I grani antichi – Ritorno alle origini

by / Friday, 10 April 2015 / Published in Grani e Farine

I grani antichi sono tutti quelli che non sono stati geneticamente modificati dall’uomo e che sono rimasti naturali al 100%.
Ci sono diverse specie di grani antichi che si sono formati spontaneamente in aree con clima diverso, altitudine e tipologia di terreno.
Tra questi il più famoso e diffuso in tutto il mondo è quello di Kamut®, diventato ormai un marchio registrato. L’alternativa italiana è quello prodotto da “Senatore Cappelli”, da Saragolla, Tumminia, Grano Monococco, il Gentil Rosso, la Verna, il Rieti, ecc.
Ma cosa hanno di diverso e perchè consumarli?
Innanzitutto per un motivo prettamente salutistico.
Non sono coltivati e lavorati a livello intensivo a tutto favore della conservazione della genuinità
del prodotto. Durante la macinazione poi, che generalmente avviene con mulini in pietra, il prodotto viene raffinato meno rispetto al grano che comunemente utilizziamo. Si potrebbe definirle quindi delle farine
quasi integrali.
Tutti gli interventi che si sono eseguiti nel tempo sulla grano moderno, dalla coltivazione alla raffinazione hanno fatto si che si modificasse anche da un punto di vista nutrizionale e diventasse piu ricco di glutine a tutto discapito della digeribilità ma soprattutto dello sviluppo delle intolleranze.
La sensibilità al glutine sempre piu frequente ormai è probabilmente dovuta ad un consumo eccessivo di farine ricche di glutine.
Nel prossimo articolo parleremo più nel dettaglio delle più comuni varietà di grani antichi.

TOP